lunedì 13 maggio 2013

Recensione: L'incanto di cenere di Laura McLem

Piccolo cambio di grafica!!!
Io chiedo e la mia consocia esegue!!!
In realtà la cosa avviene un pelo più lentamente. Tipo:
Marzo, Dru pensa che magari si potrebbe cambiare qualcosa;
Aprile, Dru si decide a mettere insieme un'umile richiesta
MAggio, Dru invia finalmene la umile richiesta
Maggio e un secondo, Dil esegue.
Ecco... più o meno questi sono i tempi :D

Per festeggiare, un recensioncina.

Titolo: L'incanto di cenere
Autore: Laura MacLem
Edizione: Asengard
Prezzo: 9,90€
Trama (tratta da www.ibs.it): Una fanciulla e le sue sorellastre, una scarpina di cristallo, topi e zucche e un grande ballo, ma soprattutto un terribile segreto e un patto diabolico...

Quando ho visto questo titolo nell'elenco delle recensioni da fare, m'è venuto un accidente. L'ho letto giorni fa e ancora stava lì!!!! Ero convintissima di averlo già recensito anche se non pubblicato.
Ripresami dallo scoramento, mi accingo a fare il mio 'dovere'.
Com'è abbastanza chiaro dal titolo (e dall'immagine di copertina) si tratta di una rivisitazione della celebre fiaba di Cenerentola. Una versione abbastanza dark e anche un po' troppo splatter per i miei gusti.
I ruoli sono invertiti. Abbiamo una 'Cenerentola' cattivissima e vendicativa e una sorellastra buona e che cerca di salvare la sorella e la madre. 
La trama è esattamente quella della favola, anche se questo ha portato alcune leggere forzature.
Talvolta ho avuto l'impressione che certe cose siano state messe lì solo perchè citate nella fiaba e anche nella trama, le parti aggiunte, sono molto più sentite e coinvolgenti del ballo. Che, onestamente, non mi ha detto granchè.
Non solo, quando si arriva al finale, con l'incalzare della storia, ci sono diverse scene poco chiare, confuse, che mi hanno richiesto più di una lettura per essere comprese.
Poi, qualche altra cosetta: la scena simil saffica non mi ha entusiasmato granchè; sul finale le sono avanzati i personaggi, tanto che principe e granciambellano non si capisce cosa ci facciano lì; le venti pagine di epilogo sull'uccellino sembrano solo un tentativo di allungare il brodo, ne bastavano due a dir tanto; il mito della Dea visto in versione negativa non mi ha convinta affatto.

Personaggi: Christelle fa le veci di Cenerentola, solo che, come dicevo, è crudele. Figlia di una strega, tutti cercano di riportarla sulla retta via rinchiudendola addirittura in un convento. E'velenosa e accecata dalla vendetta, totalmente asservita a ... non è ben chiaro cosa. Inizialmente sembra lo spirito della madre, poi un'entità più grande. Genevieve è la sorellastra, qui protagonista e vista in chiave buona. Benchè non sia l'unica a vedere cosa è Christelle, sembra l'unica adecisa a contrastarla e l'unica che può fare qualcosa. Un po' troppo unica. E ha un po' lo spirito da 'solo io posso e voglio fare qualcosa'. Gli altri personaggi sono del tutto marginali. Anastasie, l'altra sorellastra, serve solo come scusa per far agire Genevieve. Berta, la governante, elargisce qualche consiglio e suggerimento. La madre non compare quasi mai, il padre men ancora e il principe, francamente, ci fa una magra figura.
Onestamente nessuno di loro è un personaggio memorabile e entrembe le ragazzine tendono a suscitare un po' di antipatia.

Stile: Molto scorrevole e carico di immagini, mi è piaciuto e mi ha reso la lettura gradevole. L'ho trovato buono anche nei momenti di suspense. Mi è piaciuto meno nelle fasi finali e un po' troppo splatter in certi momenti. Scrittura sostanzialmente corretta e registro medio.

Giudizio finale complessivo: Nonostante non sia un libro memorabile, nè come storia, nè come personaggi, a me è piaciuto. Ammetto senza problemi di averlo divorato, curiosissima di come l'autrice avrebbe portato avanti la vicenda e di come si sarebbe conclusa la battaglia tra Christelle e Genevieve. Come ho detto, forse sarebbe stato meglio non cercare di seguire la fiaba alla lettera, ma farne un racconto più libero, per evitare alcune forzature, ma alla fin fine, non è un brutto libro, anzi, regala un paio d'ore piacevoli.
Voto: 7/10

18 commenti:

  1. la curiosità di leggere questo libro c'è sempre stata. è piacevole averne letto una recensione, per di più, una curata come la tua. le trovo sempre molto dettagliate. P.s.il cambio grafica mi piace..luminoso e carino...brave;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^_^ sia a nome mio che della mia consocia che mi accontenta sempre.

      Elimina
  2. Davvero una bella recensione: mi ha fatto venir voglia di aggiungerlo alla wishlist nonostante tutti i difetti presentati :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che l'idea di base sia buona. E' la realizzazione che non è al top. Però l'ho trovato comunque meglio di tante altre cose che ho letto.

      Elimina
  3. Uh, sono sempre più curiosa su questo libro!! :D Spero di poterlo leggere presto anch'io! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho visto e ho deciso di legegro. Così, di getto :D Se ci penso troppo va a finire che non li leggo

      Elimina
  4. Sono molto curiosa ^^ Lo metto in lista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere se lo leggi e se ti piace!

      Elimina
  5. Mmm...ora che ho letto la tua recensione non sono più sicura di voler leggere questo libro...non so se questa versione della favola fa per me ;-)

    RispondiElimina
  6. Ciao! Sono capitata per caso sul tuo blog e ho deciso di diventare tua follower!!! E' davvero un blog delizioso!!! Viola compreso dato che è il mio colore preferito!!!

    Anche io ho un blog letterario!!! Deve ancora crescere molto, ma mi sto dando da fare, se ti va passa a trovarmi http://booksdreamer.blogspot.it

    A presto

    Nicole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Liete che la nostra Biblioteca ti piaccia. Grazie, Nicole ^_^

      Elimina
    2. Grazie per i complimenti, che ricambio, anche il tuo blog è molto carino e appena possibile lo inseriamo nell'elenco di lato

      Elimina
  7. Ero molto incuriosita da questo titolo... ma la tua recensione mi lascia un po' perplessa non so se è la storia adatta a me in questo momento!!! Poi boh cenerentola cattiva mi sembra uno scempio ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho leggiucchiato la quarta di copertina giusto per decidere di leggerlo, ma quando mi sono trovata davanti i ruoli ribaltati un po' ho fatto fatica. Insomma, da quando in qua la sorellastra fa la buona? O_o Però, alla fine, il libro non mi è dispiaciuto

      Elimina
  8. L'ultimo libro che ho letto, ispirato ad una storia originale, mi è piaciuto molto. ^^
    Una Cenerentola versione strega cattiva m'incuriosisce. Ci faccio un pensierino (dopo che avrò comprato l'ereader! :P )

    RispondiElimina
  9. Lo voglio dalla prima volta che l'ho visto y___y

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è stato uguale, visto e comprato. E anche letto. :D

      Elimina