martedì 7 luglio 2015

W. W. W. ... Wednesdays #68

Buon giorno.
Rieccomi! Alle 6.30 del mattino e già incasinatissima, però ci sono ^^
Oggi è mercoledì ed è giorno di WWW.
A beneficio di chi passa di qui la prima volta W.W.W. sta per tre semplici domande:


What are you currently reading?
What are you recently finish reading?
What do you read next?

La mia versione è leggermente ampliata perché oltre a rispondere cerco di dare, in breve, le mie impressioni sul libro.
Cominciamo. (Ricordate che, se esiste, il titolo del libro rimanda alla scheda di Goodreads)

What are you currently reading?

Mi fa ancora compagnia:

Gillian Flynn

Fantastico, davvero fantastico. Ringrazio tantissimo la mia consocia che me lo ha proposto. Siamo quasi in fondo e lo abbiamo letto davvero alla velocità della luce rispetto ad altri. Un sacco di colpi di scena, di 'sembra che ma', di cambio di protagonista e antagonista. all'inizio mi sono sembrati due piccioncini, poi due psicopatici a turno. Ora mi sembrano due psicopatici insieme... Uno più di un altro. ma non dico quale. Oggi o domani prevedo di finirlo.
 
Yoko Ogawa
Iniziato da poco via via che ci aspettavamo con Dil per leggere L'amore bugiardo, ha il fascino e le stranezze che sento sempre nei romanzi giapponesi. E' qualcosa di indefinibile, un modo di vedere la vita che mi fa sentire sempre i personaggi come leggermente estranei però mi piacciono (i libri, i personaggi dipende). la storia non è ancora entrata nel vivo per cui ancora non posso dare giudizi più definiti.
 
Maurizio De Giovanni
Visto che Gelo ce lo teniamo per un GDL (doveva essere il prossimo, ma conoscendo De Giovanni e i Bastardi abbiamo deciso che non era adatto all'estate e ce lo gusteremo più avanti) e in mancanza di altri libri sui Bastardi di pizzofalcone, ho ripiegato sul più conosciuto e storico personaggio di De Giovanni: il commissario Ricciardi. Questo è il settimo della serie, ma confidavo che fosse leggibile anche come primo libro e così è stato. L'epoca è diversa, ma lo stile dell'autore è immutato, bello e poetico come sempre, con personaggi veri, curati, con pregi e difetti indiscutibili, ma che li rendono umani. Sono circa a metà e devo dire che mi sta piacendo molto. Ricciardi non assomiglia a nessuno dei protagonisti dei Bastardi e viceversa e questo lo apprezzo tantissimo; ossia la capacità di spaziare totalmente, di inventarsi nuovi caratteri e personalità senza cadere nella tentazione del: questo piace facciamolo uguale. Non ho ancora deciso se il commissario è tra i miei preferiti o meno, ci vuole un po' per inquadrarlo, ma di una cosa sono certa: cercherò anche altri libri. 

What are you recently finish reading?

Camilla Läckberg
Voto 7/10
Ero quasi tentata di dare 8, ma alla fine la sensazione di non amore per i protagonisti è rimasta. Sia chiaro, non sono brutti, assolutamente, è che non sono piaciuti a me. Un protagonista mi deve colpire, non necessariamente piacere nel senso che sono d'accordo con lui, ma almeno colpire, avere caratteristiche che lo rendono indelebile sì. Patrik ed Erika invece, pur non essendo antipatici o simili, non si sono fatti apprezzare. Li ho trovato piatti e un po' anonimi. Forse è dovuto al fatto che non ho letto tutti gli altri della serie, ma un buon personaggio si fa amare in qualunque momento della serie.
La storia invece mi è piaciuta. Fino alla fine non ho capito chi era l'assassino e perché, anche se gli indizi c'erano. Ho avuto qualche sospetto su Sam e ciò che gli era accaduto, ma era una sensazione troppo vaga perché riuscissi a concretizzare le mie idee.
Lo stile dell'autrice mi è piaciuto, i veloci cambi di scena mantengono viva l'attenzione senza incalzare troppo. Qualche dubbio su alcuni comportamenti che mi sono sembrati leggermente forzati.

Nadia Morbelli
6/10
Pur avendolo letto con piacere e velocità, l'ho trovato decisamente inferiore rispetto a 'Hanno ammazzato la Marinin'. La storia non mi ha appassionata granché, alcune situazioni mi sono sembrate forzate, inoltre la soluzione arriva in fondo con un'enorme capitolo di spiegazione, causando quasi un salto tra la fase di ricerca e le deduzioni finali.
Permangono le cose che non mi avevano convinta nel primo libro: dialoghi in cui non si capisce chi parla, scene di vita che non ho trovato molto appropriate e inerenti al romanzo, troppi, troppi, troppi refusi.
 
Rosa Mogliasso
Voto 7/10
Un libro che mi è piaciuto, tanto da voler leggere gli altri della serie, con una protagonista tosta, ma a suo modo buffa e coprotagonisti divertenti che alleggeriscono la seriosità che in genere permea i romanzi gialli/thriller. Sicuramente leggerò anche gli altri, ma il voto non è altissimo, perché? Semplice, l'ho finito lunedì pomeriggio e oggi a stento mi ricordo la storia. Ci devo pensare troppo per i miei gusti. Questo vuol dire che, pur avendomi divertita e fatto trascorrere momenti piacevoli, non ha lasciato poi granchè di sé. Un romanzo di puro intrattenimento. Con questo caldo mi va anche bene, però mi spiace sempre quando un libro non si fa ricordare.
La scrittura è piacevole e scorrevole e spero che sia stato un caso, nel senso che spero di 'innamorarmi' della commissaria, nei prossimi incontri.
 
Zoran Živković
Voto 7/10
Dunque... il voto è una media tra il fatto che mi è piaciucchiato e un giudizio più oggettivo. Mi ha ricordato un misto tra Il segreto della libreria sempre aperta e Io sono il messaggero, che non mi sono piaciuti. Questo l'ho trovato scritto un po' meglio e un po' più affascinante, ma questo tipo di finale in genere non mi esalta. I personaggi non hanno grande approfondimento psicologico e il racconto da prevalenza ai fatti.
I dialoghi non sono eccelsi, talvolta anche leggermente confusi ed oscuri. Alla fine sì, mi è piaciuto e l'ho letto in fretta, però è rimasto un senso di insoddisfazione finale. Senza contare che non mi è saputo neanche di originale.

What do you read next?

Visto che Gelo non si presta a questo bollore estivo, abbiamo ripiegato su un'altra scelta:
 
Katarina Mazetti
Avevo iniziato per conto mio, poi mi sembrava adatto ai nostri mini GDL e l'ho sospeso. Mi aspetto qualcosa di fresco, leggero e divertente. Estivo insomma. Con due protagonisti abbastanza normali da essere reali e abbastanza surreali da essere divertenti. Sono sicura che lo inizieremo a breve.
 
Poiiii, altro mini GDL. Sì, perché ho convinto la mia consocia a leggere in inglese. Andremo pianissimo per darle il tempo di prendere la mano con la lingua, ma siamo determinatissime. Il libro che l'ha fatta decidere è stato lui:
 
Clarissa Wild
Ok... ammetto che l'occhio è stato prima attirato dal fisico in copertina. ma non leggo libri per la copertina, mi basta guardarla senza perderci tempo. La vera decisione di leggerlo è scaturita dalla prima frase della sinossi:
F**k me once, I'll f**k you twice ... then I'll bury you.
(tradotto suona tipo: fottimi una volta, ti fotterò due volte... poi ti seppellirò)
Una dichiarazione troppo succulenta per non cadere in tentazione. poi sicuramente sarà un banalissimo romanzetto erotico, ma per esercitare la lingua e passare l'estate va benissimo.
 
Per finire, come sempre, pescherò a caso da ereader e pile di libri sparsi per casa 8che, miracolo, si stanno abbassando. Lentamente eh, però scendono)

E voi? Quali sono le vostre risposte? Avete letto qualcuno di questi libri? Che ne pensate?



1 commento:

  1. Quello di Rosa Mogliasso non lo conoscevo, ma sembra davvero interessante!

    Qui trovi il mio www, se ti va di dare un'occhiata! http://libridicristallo.blogspot.it/2015/07/www-wednesday-22_8.html

    RispondiElimina