lunedì 29 giugno 2015

Recensione: Tempo al tempo di Mary Calmes

Prima o poi ne trovo uno che mi piaccia.

Titolo: Timing 01 - Tempo al tempo
Titolo originale: Timing
Autore: Mary Calmes
Edizione: Dreamspinners
Prezzo: 7,00€ (più o meno, il sito ha i prezzi in dollari)
Trama: Stefan Joss non può farcela. Non solo deve recarsi in Texas nel bel mezzo dell’estate per fare da ‘damigello’ alle nozze della sua migliore amica Charlotte Holloway, ma è anche costretto a negoziare un affare da milioni di dollari. Come se non bastasse, si sente scombussolato dalla presenza dell’unico uomo che Charlotte aveva promesso di non invitare: suo fratello Rand Holloway.  Stefan e Rand sono nemici giurati dal primo giorno in cui si sono incontrati, così Stefan è scioccato quando una tregua momentanea trasforma la loro solita ostilità in una complicità improvvisa. Benché diffidente riguardo ai suoi sentimenti, Stefan rimane influenzato dalle rivelazioni sincere di Rand e decide di dargli una possibilità.  Ma la loro storia d’amore appena sbocciata viene messa a repentaglio quando l’affare di Stefan va storto: la proprietaria dell’ultimo ranch che ha bisogno di assicurare alla sua compagnia viene uccisa. Per Stefan sarà una sorpresa scoprirlo e rendersi conto che anche la sua vita è in pericolo.

Voto: 5/10
Per quanto in certi passaggi sia stato in grado di emozionarmi, non mi sento proprio di dare di più.
La storia, in generale, è carina, comune, ma carina: Stef e Rand da 10 anni si odiano e si evitano, ma ...
Io adoro il 'si odiano, ma' e forse è per questo che, nonostante tutto, mi è piaciucchiato, però...
Prima di tutto l'autrice ha voluto inserirci un picoclo giallo di cui non c'era alcun bisogno, tra l'altro messo lì quasi a caso: due cenni a inizio libro, poi tutto che si risolve nelle ultime pagine. Bastava la storia d'amore sinceramente, anzi, sarebbe stato meglio togliere il giallo e concentrarsi sui sentimenti.
Soprattutto perché è il fulcro.
All'inizio si odiano da 10 anni e poi cambiano. Questo lo dice la sinossi e ok, me lo aspetto. Ma io volevo vedere il cambiamento.
Qui invece è:
"In questi giorni facciamo una tregua?"
"Ok"
Pagina successiva: a letto insieme.
No, scusate, e nel mezzo?
Gli sguardi, i dubbi, l'avvicinamento?
La storia d'amore, dov'è?
Ma poi... un minimo di coerenza!
Rand è un cowboy duro, scontroso, forte, ETERO e sempre solo. All'improvviso diventa un seduttore, tutto malizioso, pieno di sorrisini e palpatine.
Stef se ne salta fuori con un: il mio sogno proibito.
E quando mai hai detto che Rand era il tuo sogno proibito? Fino a quel momento, l'unica cosa carina che hai detto di lui è che è un bel ragazzo!
Poi non sopporto gli assatanati in pubblico, soprattutto se non hanno più 16-17 anni da un pezzo. Trovare scritto che uno dei due infila le mani ovunque all'altro anche davanti ad altri lo trovo squallido e volgare. Sono più per la passione privata.
Gli altri personaggi non mi sono sembrati degni di nota. Qualcuno è un po' messo lì giusto perché serviva e rimane un nome senza capo nè coda che non ha senso. Unica che si salva: Charlotte. Quanto meno è un po' più definita.
Lo stile dell'autrice è scorrevole, i suoi personaggi usano qualche volgarità di troppo (ok, parlano così, ma qualcuna è proprio piazzata a caso), ma tra tutto ciò che non mi è piaciuto è la meno rilevante.
Come dicevo non sarebbe stato male, se non ci fossero stati gli elementi negativi che ho citato, che lo fanno sembrare un lavoro grossolano e poco curato dove l'unica cosa ben fatta sono le scene di sesso. Peccato.


1 commento:

  1. Sai che adoro il genere ^^ e questo l'ho letto. Pure a me non è piaciuto granché. Leggo racconti <3<3<3<3 molto più emozionanti e ben scritti ^__^ <3

    RispondiElimina