sabato 30 agosto 2014

LiberaLibri!

Buongiorno a tutti!!!
Finalmente riesco a parlarvi di questa iniziativa che ho progettato tipo 3 mesi fa.
Prima un po' di antefatti.
Già da un po' cercavo un'idea per regalare i libri senza incappare nel solito giveaway. Prima di tutto perché, nonostante io cerchi sempre di partecipare ai GA, di fondo non li amo tantissimo, perché ho poco tempo quindi quelli più complessi non riesco a seguirli e alla fine mi ritrovo a pensare: ma se vuoi regalare un libro, c'è bisogno di chiedere ai partecipanti di ballare Hello Spank a testa in giù? Nella mia visione delle cose no. Ricorrere a Random.org? Sì, già più amato e fattibile, ma mi sembrava ancora riduttivo. Questo blog non ha molti follower e non ho la minima intenzione di chiedere seguaci e voti su facebook o twitter attraverso i giveaway. Inoltre, sinceramente, i libri che ho io sono nel 99% dei casi, un po' datati. Non hanno molto appeal credo, per cui non li trovo adatti per simili iniziative.
A questo punto uno potrebbe chiedersi perché questa fissa di darli via. Personalmente per due ragioni, una ideologica e una pratica. Quella pratica è che lo spazio sta finendo, quindi volente o nolente, in qualche modo a qualcosa devo rinunciare. Quella ideologica (e più forte) è che per quanto mi piacciano i libri e sia un'accumulatrice, tenerli lì, in mostra, sapendo che non sarà mai più toccato un po' mi dispiace. Sì certo, bella la libreria fitta, ma di libri che amo, non di cose che a stento guardo. Un libro è fatto principalmente per essere letto e trovo ingiusto tenerlo lì solo per senso estetico e non sono così arrogante (spero) da pensare che, se non è piaciuto a me allora è una schifezza che non piace a nessuno. Le differenze tra me e la consocia sono lampanti di questo. Finora li ho scambiati, ma questo risolve il secondo punto, non quello dello spazio.

Poi, tre mesi fa, vado dalla mia parrucchiera per un restauro pre estivo e ci trovo una pila di libri! Con gli occhi adoranti chiedo a Jessica se oltre ai giornali gossip abbiano messo su una piccola selezione libraria: prendersi cura della testa dentro e fuori (occhio potrebbe essere un'idea alternativa ai caffè letterari ;) ). No. La mia parrucchiera è fantastica e alternativa, ma non così alternativa. La verità è che la biblioteca di Sinalunga, ritrovandosi con troppe coppie di alcuni testi ha deciso di fare viaggiare i libri. Li ha lasciati qua e là a disposizione delle persone che se li prendono li leggono e li mollano da qualche altra parte. Non un'idea originale (si chiama bookcrossing ed esiste da anni), ma in quel momento mi ha folgorata: ecco l'idea che cercavo per il blog.
Come ho già detto la cosa esiste già ed esiste anche il sito: www.bookcrossing.com ma finora non l'avevo considerato perché ho troppo poco tempo per seguire anche quel sito e seguire i percorsi dei libri. Però non avevo mai pensato di poterlo fare in autonomia, come ha fatto la biblioteca di Sinalunga.
Fine degli antefatti.

Da quel momento l'iniziativa ha iniziato a prendere forma, ne ho parlato con la mia consocia e anche lei si è detta entusiasta (tanto che la prima a liberare un libro è stata lei, non io): liberiamo e ci liberiamo di tutti quei libri che non ci sono piaciuti e che non vogliamo tenere lì!
Rimaneva un'ultima cosa: come coinvolgere i lettori del blog?
Alla fine mi sono venute in mente due cose: la prima è quella di dare la possibilità ai lettori di chiedere direttamente il libro. Quando liberiamo un libro, diamo un po' di tempo ai lettori di scriverci per chiederlo (qualche ora, massimo una giornata). A noi importa che viaggi. Lo inviamo al primo che ce lo chiede, tramite piego di libro ordinario (se arriva arriva, se non arriva se lo leggerà il postino ^_^), magari con l'indicazione di altri richiedenti, così se non sa dove o a chi lasciarlo ha comunque delle idee. Se nessuno lo chiede lo lasciamo dove avevamo pensato.
Se qualcuno se lo tiene? Bè, a noi piace che viaggino, ma se trovano una casa dove sono amati e letti più volte allora va bene anche così ^_^
La seconda è che se l'idea vi piace siete liberi di riproporla! Anzi, saremmo felici se la cosa si espandesse ad altri lettori.
Come vi dicevo alcuni sono già stati liberati, ve ne parliamo nei prossimi post, ma per altri vi daremo possibilità di richiesta.

Con questo per oggi è tutto, vi lasciamo il disclaimer che viene apposto sui libri e attendiamo i vostri commenti!

Besos


Nessun commento:

Posta un commento